Skin ADV

Pontificale di S.Ubaldo, Ceccobelli: "La mia ultima celebrazione da Vescovo". Replica su TRG alle 14.50

Pontificale di S.Ubaldo, Ceccobelli: "La mia ultima celebrazione da Vescovo". Replica su TRG alle 14.50

Nel giorno della ricorrenza del Patrono di Gubbio, si è rinnovato l'appuntamento celebrativo più solenne, con il Pontificale di S.Ubaldo, quest'anno eccezionalmente alla chiesa di San Domenico per l'inagibilità della Cattedrale. Per il Vescovo di Gubbio, Mario Ceccobelli, una cerimonia speciale perchè - ha detto - "è la mia ultima celebrazione del 16 maggio da Vescovo di questa Diocesi".

Alle ore 11,15 di questa mattina, la statua di Sant'Ubaldo è stata trasferita in corteo dalla Chiesetta di San Giovanni Decollato (detta dei Neri) fino alla Chiesa di San Domenico, in un itinerario inedito (vedi foto arrivo, su galleria foto) dove è stato celebrato il solenne pontificale. A presiederlo, insieme a molti dei sacerdoti del clero diocesano, è stato proprio il vescovo di Gubbio, mons. Mario Ceccobelli.

Nella sua omelia il presule ha salutato i vari sindaci della Diocesi, presenti, (Gubbio, Umbertide, Cantiano, Scheggia, Costacciaro), i tanti fedeli eugubini e le comunità provenienti da vari Paesi e in particolare da Thann e da Jessup. Non ha mancato di sottolineare un plauso al lavoro svolto dalla nostra emittente televisiva, Telegubbio, che fin da ieri ha potuto offrire in diretta il tripudio di festa del 15 maggio e che oggi riproporrà il Pontificale alle 14.50 in differita.

"Questi sono i giorni in cui il popolo eugubino si stringe intorno a Ubaldo, cittadino e vescovo di questa antichissima città, che prima, durante la sua vita, e ora dal cielo protegge il suo popolo.

Sicuramente per me questa è l’ultima celebrazione della festa di Sant’Ubaldo: non mi è dunque possibile nascondere l’emozione che provo ed anche qualche rimpianto. Negli anni precedenti ho sempre invitato vescovi e cardinali per rendere la festa più solenne e per far conoscere il nostro Patrono a personaggi che senza il mio invito non avrebbero potuto mai scoprire la dimensione spirituale di questo grande protagonista della storia eugubina.

Molte volte durante questi dodici anni di episcopato mi sono chiesto che cosa avrebbe detto il vescovo Ubaldo agli eugubini in certe situazioni difficili o nelle omelie.

Anche Lui è stato ben consapevole che il suo compito primario era quello di annunciare il Vangelo ai figli della Chiesa. Anche Lui ha richiamato i fedeli a vivere gli insegnamenti di Gesù e a mettere in pratica soprattutto il comandamento dell’amore. Per questo il suo magistero era sempre preceduto dall’esempio del suo operare. Per me, e per ogni presbitero chiamato ad annunciare il Vangelo, l’esempio di Ubaldo costituisce un forte appello alla coerenza della vita: anche per noi vale la regola che la testimonianza venga sempre prima delle parole.

Emblematico è il comportamento del santo Vescovo con l’operaio che lo aveva insultato e gettato nella fossa della calce. Don Angelo Fanucci sostiene che non di calce si trattasse ma di una fogna vera e propria, e comunque Ubaldo si oppose alla punizione invocata dai cittadini, anzi perdonò l’autore del gesto offensivo con un bacio.

Oggi la società è molto cambiata, non soltanto a causa di una morale lontana dagli insegnamenti del Vangelo, ma anche per le destabilizzazioni dovute a correnti di pensiero nate dalle nuove filosofie, che esaltando l’individualismo e il razionalismo incondizionato, contaminano la mente dell’uomo moderno rendendolo indifferente e diffidente dinanzi alla fede.

Le parole contenute nella seconda lettura di oggi, tratta dalla Lettera di san Paolo agli abitanti di Efeso - ha evidenziato Ceccobelli -sembrano aver orientato decisamente la vita di sant’Ubaldo:

Scompaia da voi ogni asprezza, sdegno, ira, grida e maldicenza con ogni sorta di malignità. Siate invece benevoli gli uni verso gli altri, misericordiosi, perdonandovi a vicenda come Dio ha perdonato a voi in Cristo. Fatevi dunque imitatori di Dio, quali figli carissimi, e camminate nella carità, nel modo in cui anche Cristo ci ha amato e ha dato se stesso per noi (Ef 4,30-5,2)”.

 È da questa esortazione che nasce l’Ubaldo pacificatore verso tutti e in ogni circostanza. Anche Lui rinato dal fonte battesimale, vive, come figlio di Dio, la nuova altissima e vincolante condizione che determina il suo impegno per la pace e la piena riconciliazione: innanzitutto con se stesso, poi con ogni fratello che incontra nella vita, compreso l’operaio irriverente e il temibile, potente Barbarossa.

Questo nostro Ubaldo ci parla ancora e ripete anche per noi le stesse parole che guidarono il suo magistero: pace e riconciliazione a tutti i livelli, nella propria coscienza, nella famiglia, nelle istituzioni, nella città.

Una città, ma anche una diocesi, per essere fedele alla propria vocazione di luogo di convivenza civile e quindi a misura umana, deve vivere come una grande famiglia. E nella famiglia l’attenzione maggiore viene riservata ai bambini, agli anziani e ai malati. Anche la città e la chiesa devono assumere le dinamiche della famiglia e prendersi cura degli ultimi, perché proprio queste prerogative dimostrano il grado di civiltà di un popolo.

In particolare qui, nella città di Gubbio, per seguire l’esempio sublime del vescovo Ubaldo che aveva decretato “Nullo oratorio sine ospitio”, non si edifichi un luogo di preghiera se non si eriga accanto anche un luogo di accoglienza per i poveri e per i pellegrini. Gubbio, questa antica e splendida città scelta da Francesco di Assisi per iniziare la sua nuova vita di figlio di Dio mettendosi alla scuola del vescovo Wilano e dei lebbrosi, ritrovi le sue radici sante e viva con generosità e coraggio la sua vocazione.

Vorrei allora lasciare sia alla città che alla diocesi quasi un promemoria, studiato in preghiera in compagnia di Ubaldo - ha concluso il Vescovo.

Riconciliazione e pace siano il vostro massimo impegno a tutti i livelli: tra gli uomini della politica, tra le istituzioni laiche e religiose, tra le classi sociali, le professioni, le associazioni, per il bene dei cittadini.

Gubbio, la tua prima preoccupazione si concentri verso gli ultimi nella scala sociale: i poveri di beni materiali ma anche i poveri di beni spirituali, i resi poveri dalla società con le sue leggi troppo spesso intente a difendere e favorire i ricchi e i potenti.

La tua sollecitudine si rivolga ai profughi e ai rifugiati, che rischiando la vita per attraversare il mare, hanno lasciato la loro patria resa invivibile dalle guerre quasi sempre fomentate da chi ricava il suo interesse dal commercio delle armi.

La tua attenzione sia riservata agli emarginati, agli schiavi e prigionieri delle droghe, e non solo quelle che usano i giovani e i meno giovani per sprofondare nel mondo dei sogni, ma anche quelle derivanti dal giuoco e dalle patologie moderne dovute a una società selettiva che crea scarti e rifiuti.

Coraggio Gubbio, dà gloria ai tuoi padri e diventa modello di accoglienza, di riconciliazione e di pace.

Questo è il mio augurio, che accompagno con la preghiera oggi, come farò per sempre fino al termine della mia vita".

Un lungo applauso ha accompagnato le parole conclusive dell'omelia.

La celebrazione integrale sarà trasmessa in differita su TRG alle 14.50

 

 

 

Gubbio/Gualdo Tadino
16/05/2017 13:05
Redazione
Sabato 20 maggio a Gualdo Tadino ospite Paolo Grossi presidente Corte Costituzionale
Il gruppo di studio “Assetti fondiari collettivi “ e l` Accademia dei Romiti, in collaborazione con la comunanza dell`Ap...
Leggi
Gubbio, applausi ieri sera al Park Hotel "Ai Cappuccini" per la Serata dell'Eugubino, organizzata dall'Associazione Maggio Eugubino
Applausi ieri sera al "Park Hotel ai Cappuccini”per la Serata dell’Eugubino realizzata dall`Associazione Maggio Eugubino...
Leggi
Gubbio, cade Sant'Ubaldo lungo i Meli poi corsa splendida di tutti e tre fino in Basilica. E il Cappellano ringrazia i ceraioli: "Una vera Festa per il Patrono!"
La sveglia all`alba, la visita al cimitero e poi la messa nella chiesetta dei Muratori i primi momenti di un nuovo strao...
Leggi
Festa dei Ceri, Patrizia Nardi: " Presto il riconoscimento Unesco"
"Non mettiamo date , ma sono certa che presto la Festa dei Ceri potrà entrare nel circuito delle feste con macchine a sp...
Leggi
Festa dei Ceri, estratti i capitani del 2019: Fabio Tomassini Primo Capitano e Ubaldo Stocchi Secondo Capitano
È` entrata nel vivo la giornata del 15 maggio che segna la Festa dei Ceri 2017. Un`intera comunità si è ritrovata staman...
Leggi
Festa dei Ceri, oggi diretta e repliche no stop su TRG e www.trgmedia.it. Da scaricare App gratuita Trg live
È` il giorno della grande festa per Gubbio e per l`intera regione: tornano i Ceri, simbolo di un`Umbria delle identità c...
Leggi
Ceri e sicurezza, il vademecum dell'Amministrazione comunale: vietato salire sul muretto
Mentre si susseguono le riunioni operative per mettere a punto ogni aspetto della ‘Festa dei Ceri’, l`Amministrazione Co...
Leggi
Grifonissima 2017, il tifernate Bandini si conferma campione nazionale davanti a Cantarini e Zaccagni
  Il tifernate Simone Bandini, direttore di Valley Life e tesserato per la società Marathon Club Città di Castello si c...
Leggi
Celebrati i 25 anni di vita della Fondazione Cassa Risparmio di Citta' di Castello
“Il motivo di maggiore soddisfazione che si prova nel guardare ai 25 anni della Fondazione Cassa di Risparmio di Città C...
Leggi
Gubbio, firmato Patto di Amicizia tra Jessup e Thann nella serata di festa degli Eugubini nel mondo
Gubbio e la Festa dei Ceri come sfondo: al centro la firma del Patto di Amicizia tra le comunità di Jessup (Usa) e Thann...
Leggi
Utenti online:      524


Newsletter TrgMedia
Iscriviti alla nostra newsletter
Social
adv